Blair: You blew off our most beloved tradition.Serena: Just get over it, Blair.Blair: Excuse me?Serena: My whole life I have been bending over backwards to protect your feelings. And you know what,? It’s not my fault you’re so insecure.Blair: And I’m sure it’s not your fault you’re so conceited.Serena: I’m just tired of trying to hold myself back so I don’t outshine you.Blair: Oh my god. Can you hear the words that are coming out of your mouth?Serena: It’s just the truth. From now on, I’m going to be who I am. And if you can support that and not be threatened and competitive, then great. If not…
Caro amico, non so se avrò tempo di scrivere altre lettere perché forse sarò troppo impegnato a cercare di partecipare, quindi se questa dovesse essere l’ultima lettera voglio che tu sappia che non stavo per niente bene prima di cominciare il liceo e tu mi hai aiutato. Anche se non sapevi di cosa parlavo o non conoscevi nessuno che aveva questi problemi, non mi hai fatto sentire solo. Perché io so che ci sono persone che dicono che queste cose non esistono, perché ci sono persone che quando compiono diciassette anni dimenticano com’è averne sedici, so che queste un giorno diventeranno delle storie e le immagini saranno solo delle vecchie fotografie e noi diventeremo la madre ed il padre di qualcuno… Ma qui, adesso, questi momenti non sono storie, questo sta succedendo, io sono qui, e sto guardando lei, ed è bellissima. Ora lo vedo, il momento in cui sai di non essere una storia triste, sei vivo. E ti alzi in piedi, e vedi le luci sui palazzi e tutto ciò che ti fa sentire vivo e senti quella canzone su quella strada con le persone a cui vuoi più bene al mondo e in questo momento, te lo giuro, noi siamo infinito.
Sono inifinito